Personal Number Digital Wallet Center Safe Zone YEM Foundation PerNum Pass SafeZone Pass Safe Ident Invitation Marketing We Share Success YEM Chain Twnkl Estate Twnkl Cars International Vacation Club Twnkl Shop YEM Supporters Club Digital Exchange Center YEM Exchange Digital Assets Consulting Money Pon Swiss Digital asset Management Bank Bene Merenti Likquid Digital Market Making World Equity Expo Dragon Global TV Dragon Global Finance Safe Search Center WazzUb World Radio Biggest Talent Social Network International PerNum Info Safe Zone Info PerNum Pay Pay with YEM Maximum Profit Now CashBack Marketing Digital CashBack Ad Bonum Civium Dryve Me Solario Shobbit Your Everyday Shop Shopping Compass I Book Smarter Happy Health Center Pharmacies Directory Immune System Plus International Gallery of Fine Arts Twnkl Gold Coin Repli Gold VMT Digital YEM Bids Mega Deals Week YEM Coins EEBOOX Uniports TwnklShop WishList TwnklShop WishList Digital Rewards Center YEM Bet Prize Mania Prize Mania PerNum Email Service Internet 24 News Digital News Health News Network Lifestyle 24 Gossip 24 DisquCity PRO or NO! My Rewards Center SafeZone Vision YEMconomy Paid with YEM YEM Run for Charity Crypto Rank Unicorn Network YEM Deals Veedeo TV UAC Holding Safe Transfer Baratto Multilaterale


Il terremoto del 27 Marzo 1638
nel Bacino del Savuto

Il 27 e 28 Marzo 1638,
le 3 principali scosse di terremoto in Calabria,
hanno comportato la distruzione di oltre 100 villaggi
e una stima fra i 10.000 e i 30.000 morti.
Complessivamente furono distrutte oltre 10.000 abitazioni
e altre 3.000 circa divennero inabitabili.

La prima scossa si verificò alle ore 22:00 del 27 Marzo 1638
e interessò soprattutto il Bacino del Savuto.

Le 2 scosse del giorno successivo,
28 Marzo Domenica delle Palme,
interessarono la prima La Piana di Sant'Eufemia
e l'altra, di minore intensità, ma pur sempre distruttiva,
le Serre Calabresi Occidentali.

Nel Bacino del Savuto,
vennero distrutte località come
Martirano, Rogliano, Santo Stefano di Rogliano,
Grimaldi, Motta Santa Lucia, Marzi e Carpanzano.
Furono distrutti più o meno completamente
17 centri abitati sulla costa tirrenica,
come per esempio Amantea;
ma danni lievi furono rilevati perfino
a Maratea (a nord) e a Reggio Calabria (a sud).

La prima delle due scosse del giorno successivo
interessò particolarmente Nicastro,
con circa 3.000 morti di cui 600 rimaste vittime
per il crollo della Chiesa dei Francescani,
affollata a causa delle celebrazioni delle Palme.
Furono numerosissimi i morti anche a
Sambiase, Castiglione Marittimo, Feroleto Antico
e Sant'Eufemia, quest'ultimo distrutto da un maremoto.

La seconda delle due scosse del giorno successivo
interessò le Serre Calabresi Occidentali.
I danni più gravi furono patiti dai centri di
Vibo, Rosarno, Mileto,
mentre i centri di Borrello, Briatico, e Castelmonardo
furono praticamente rasi al suolo.

Migrazione delle popolazioni
verso altri luoghi della Sila.

Nei paesi colpiti dal terremoto la popolazione diminuì
anche per le migrazioni che seguirono.

Numerosi abitanti di Motta Santa Lucia
si trasferirono a Decollatura,
stimolati anche dalla politica del
vescovo di Martirano Luca Cellesi
di popolare "i luoghi montani"
abitati fino ad allora solo durante il periodo estivo;
gli abitanti di Pedivigliano e Pittarella
(appartenenti all'Università di Scigliano)
popolarono i casali di Scigliano disabitati,
come anche Soveria Mannelli e Castagna.

Altri abitanti di Scigliano e Carpanzano
si trasferirono ancora verso la lontana costa ionica
dando origine alle attuali località di
Savelli e Mandatoriccio,
con importanti conseguenze di
natura sociale e linguistica.

Anche il Feudo di Petronà,
ospitò migranti provenienti dalle zone terremotate.
Prova ne sono, i cognomi delle persone
che sono uguali a quelli delle zone terremotate
e delle altre zone che accolsero gli emigrati,
oltre alla lingua parlata.

 

In ROSSO zone che accolsero migranti dalle zone terremotate
In GIALLO zone colpite gravemente dal terremoto del 27 e 28 Marzo 1638

 

Fonte: Wikipedia

 


 

 

il MOTORE della tua auto CONSUMA OLIO?

Prodotto: Metalubs X Old - 250 ml per motori che consumano olio, sia Diesel che a Benzina

Perchè usarlo:
Riduce molto il Consumo di Olio e aumenta le Prestazioni e l'Efficienza del motore
Ripara l'usura dei Pistoni, Cilindri e dei componenti in movimento
Allunga la vita del motore

Come si usa:
Versare l'intero flacone di Metalubs X Protect nell'olio nuovo,
dopo aver cambiato filtro e olio motore
e dopo aver agitato bene il flacone

Risparmio Carburante: dal 7 al 15% in funzione dello stato di usura del motore,
al prezzo di 1,80€ a litro, con un flacone si risparmia da 126€ a 540€,
a secondo se il cambio di olio avviene a 15.000km o a 30.000km

Made in Germany

Clicca qui per maggiori informazioni sul Prodotto

Contatto: su Whatsapp, Skype, Telegram +39 3558877149